giovedì 19 giugno 2014

Felipe VI

Oggi, 19 giugno 2014, è entrata in vigore l'abdicazione di Sua Maestà Cattolica il Re di Spagna, Don Juan Carlos I di Borbone. Dopo quasi un quarantennio di regno, durante il quale grazie alla sua guida illuminata la Spagna è passata pacificamente dalla dittatura alla democrazia ed è diventata una nazione moderna ed europea a pieno diritto, questo Sovrano, amatissimo dalla sua gente, sebbene ultimamente ignobilmente colpito dalla propaganda repubblicana, ha deciso, con un atto di estrema nobiltà, di lasciare il Trono al figlio, il Principe delle Asturie e di Viana don Felipe di Borbone, per il bene del suo popolo e della Corona. Nel felicitarci con il nuovo Re Filippo VI, appena proclamato sovrano, per la sua ascesa al Trono e nell'augurargli un regno quanto più possibile lungo e prospero, rinnoviamo la nostra simpatia alla Monarchia spagnola, da anni garante di libertà e unità per la Spagna, e ci stringiamo unanimi nel grido di
¡Viva el Rey Felipe VI!
¡Arriba España!

giovedì 29 maggio 2014

Royal Oak Day

"Odio i ribelli, odio i traditori, odio la tirannide, da dovunque nasca. Ho visto gran parte del mondo, e ho imparato dalla mia esperienza a odiare e detestare i repubblicani. La repubblica non è altro che tirannide e oppressione; non ho mai sentito di qualcosa di buono compiuto da un repubblicano: è contrario al suo carattere, se guardiamo sotto la maschera della 'Libertà'. Il repubblicano è un tiranno, un mostro dalle molte teste che si divora la tua felicità e la tua proprietà. Nulla è al sicuro dalle grinfie di questo mostro.
Una repubblica non ha affetto verso i suoi sudditi. Un re può essere mal consigliato e agire nella maniera sbagliata, ma una repubblica non agisce mai nel modo giusto, perché in una banda di canaglie ci si supporta l'un l'altro, e assieme si fa ciò che nessuna persona da sola oserebbe tentare" (Orazio Nelson)

Sono passati ormai 354 anni da quando, il 29 maggio del lontano 1660, re Carlo II Stuart rientrò a Londra, accolto trionfalmente dalla folla che festeggiava la fine di una Repubblica, che, ben lungi dal portare agli Inglesi più libertà, aveva rappresentato per loro il dodicennio peggiore di tutta la loro storia. Segnato dall'oppressiva dittatura militare e dall'estremismo religioso di Oliver Cromwell e dall'assoluta inettitudine del figlio Richard, il Commonwealth fu la migliore dimostrazione di quanto le cose potessero volgere al peggio in poco tempo, una volta eliminata la necessaria guida del Re legittimo. Da quel 1660 tutti i 29 maggio in Inghilterra i sudditi che veramente amano la loro nazione celebrano l'importanza della loro monarchia, a simbolo della quale è assurta la quercia, albero dotato, come il sistema monarchico, di poderose radici, e il cui sradicamento è - a livello simbolico e non solo - da viversi come una vera disgrazia.
A tutti coloro che non dimenticano le proprie origini e sanno ancora perdersi nel fascino e nella bellezza delle istituzioni legittime e tradizionali della nostra Europa, oggi il Re dedica il suo pensiero e il suo augurio di essere, per sempre più gente, testimoni che un mondo diverso è veramente possibile, e che per costruirlo basta semplicemente ripartire dal punto in cui ci siamo separati dalle nostre radici.
Lunga vita alla quercia che mai muore!

mercoledì 23 aprile 2014

San Giorgio

A tutti i sudditi molti sentiti auguri per la ricorrenza di San Giorgio martire, co-protettore del Regno, patrono dei cavalieri (e quindi dell'araldica) e santo invocatissimo contro le forze del male. Possa egli insegnarci a schierarci sempre coraggiosamente contro le forze che mirano a distruggere l'ordine positivo che, nonostante tutto, esiste ancora nel mondo, e possa egli essere nostro aiuto e vegliare sul nostro progetto, che è nato per conservare i sani valori portati in passato all'Europa dalla cavalleria e dall'araldica in generale.
Tanti auguri anche al Santo Padre Francesco (al secolo Jorge Bergoglio), e a SAR il Principe George di Cambridge, che oggi festeggiano il loro onomastico.

P.S. Oggi Sua Maestà il Re ha partecipato, per celebrare degnamente questa festività così importante per il nostro Regno, alla Santa Messa nell'oratorio medievale di San Giorgio, situato in prossimità del territorio del Regno.
Conformemente alla tradizione popolare che fissa al 23 aprile un nodo del freddo detto "Invernetto di San Giorgio", la celebrazione è stata "coronata" da una discreta quantità di pioggia...

domenica 20 aprile 2014

E.II 88

Domani, 21 aprile 2014, Sua Maestà la Regina Elisabetta II del Regno Unito compirà 88 anni. Per celebrare tale occasione, condividiamo la fotografia ufficiale della Sovrana scattata proprio in vista del prossimo genetliaco.

Buon compleanno, Maestà! Long live Queen Elizabeth!

Buona Pasqua!

Sua Maestà è lieto di augurare a tutti i sudditi e agli altri lettori del blog una lieta Santa Pasqua!
20 aprile 2014

Χριστὸς ἀνέστι! Ἀλειθῶς ἀνέστι!

giovedì 3 aprile 2014

Elisabetta II a Roma

Per festeggiare l'arrivo nella nostra Patria dell'Augusta sovrana britannica, pubblichiamo il cinegiornale che l'Istituto Luce realizzò in occasione di un'altra visita resa da Elisabetta II all'Italia, nel lontano 1961.


giovedì 20 marzo 2014

Equinozio primaverile 2014

Il Re augura a tutti un felice e sereno equinozio di Primavera!!!
Oggi, dalle 17.57 (ora italiana), la stagione primaverile avrà finalmente il suo inizio. Auguriamo perciò a tutti i sudditi e a tutti gli altri visitatori che la Primavera porti con sé una vera rinascita, e che il nuovo ciclo annuale delle stagioni che ha oggi il suo punto di partenza rechi a tutti giorni più felici e prosperi.
Buona Primavera a tutti!
Residenza Reale, 20 marzo 2014, primo giorno di Primavera (anno IV del regno di Sua Maestà il Re attualmente regnante)


domenica 16 febbraio 2014

About the Scottish Referendum

About the Scottish Independence Referendum to be held this year, there's no need of more than 6 words to explain what is, IMHO, the right thing (and, frankly, the only one that makes a bit of sense) to be done by all the true patriots, in and outside Scotland.


giovedì 6 febbraio 2014

Vivat Regina Elisabetha

Reisdenza Reale, 6 febbraio 2014
Oggi ricorre il 62º anniversario dell'ascesa al Trono britannico di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. Per festeggiare questo lietissimo evento e porgere i nostri migliori auguri a Sua Maestà Britannica, condividiamo questo bellissimo video: il cinegiornale Luce che descrive la cerimonia di incoronazione di Elisabetta il 2 giugno 1953.
Auguriamo alla Regina lunghi anni di vita, per poter regnare gloriosamente ancora per molto sui popoli affratellati del Commonwealth britannico!
Auguri, Ma'am. God save the Queen!



sabato 11 gennaio 2014

Decreto reale "La tradizione del carnevale"


[omissis] RE
SOVRANO DI QUESTO REAME
A PERPETUA MEMORIA

La tradizione del Carnevale si celebra ogni anno da tempo immemorabile nel territorio del Nostro Regno. In questo senso è sempre stata cura di coloro che hanno abitato nei secoli la nostra ridente valle quella di festeggiare, durante tutta la decorrenza di questo particolarissimo e ancestrale periodo dell'anno, in diversi modi e seguendo diverse tradizioni.
E' nostra volontà e nostro piacere, quale Custode delle tradizioni e del calendario sul nostro territorio, far sì che questa usanza di celebrare il Carnevale in diversi modi e con svariati festeggiamenti durante tutto il suo arco temporale continui e seguiti a fiorire nel Regno Nostro, arricchendo il nostro patrimonio folklorico e spirituale.
Si è posto dunque al Nostro Sovrano discernimento il problema concreto di quando dare inizio ai festeggiamenti di Carnevale. Dopo svariate accurate ricerche sulle tradizioni da sempre osservate in questi luoghi, e dopo un colloquio consultivo con i due sudditi più anziani del regno, siamo giunti alle seguenti conclusioni.
(1) In questi luoghi la data d'inizio del Carnevale si è sempre osservata il giorno immediatamente seguente alla fine delle festività natalizie
(2) Tale giorno si è sempre considerato che fosse il 7 gennaio, in considerazione del fatto che, in base al famoso proverbio, sempre ritenuto valevole dagli anziani ******esi: “L'Epifania tutte le feste porta via”
(3) A seguito della riforma liturgica in seno alla Chiesa cattolica, Chiesa tradizionale del Regno, culminata con la revisione del calendario romano sedente papa Paolo VI, il tempo di Natale è stato esteso fino alla Domenica del Battesimo di Gesù, e tutti i fedeli sono stati invitati a celebrare la gioia del Natale in pienezza fino a tale giorno
(4) Il mese di gennaio è sempre stato considerato meno “carnevalesco” di quello di Febbraio, anche in considerazione del fatto che i tradizionali 40 giorni successivi al Natale scadono solo il 2 febbraio, giorno della Candelora
(5) Il culmine delle celebrazioni carnevalesche si è sempre raggiunto nei 17 giorni immediatamenti precedenti al Mercoledì delle Ceneri, detti prima della riforma liturgica Tempo di Settuagesima, e questa tradizione è continuata anche dopo tale riforma
In base a queste premesse, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue:
1. L'inizio del Carnevale è conservato al 7 gennaio, in considerazione delle antichissime tradizioni che propendono in questo senso;
2. Le celebrazioni e l'osservanza del Carnevale inizino però soltanto il giorno successivo alla Domenica del Battesimo di Gesù, nello spirito scaturito dal nuovo calendario liturgico, e siano quindi completamente omesse e proibite fino a tale Domenica compresa;
3. Il periodo destinato a carri, parate, frittelle, lattughe et similia comincerà propriamente il Giorno della Candelora, e culminerà nel periodo corrispondente al soppresso Tempo di Settuagesima, ossia a partire dalla terza domenica antecedente le Ceneri;
4. Se però tale domenica venisse a cadere prima della Candelora, l'inizio dei festeggiamenti di cui al punto 3 sia anticipato alla domenica suddetta;
5. Il giorno 17 gennaio e il giovedì di Mezzaquaresima siano considerati giorni carnevaleschi a tutti gli effetti, sebbene fuori dal tempo proprio; il Giovedì grasso, ossia il giovedì precedente le Ceneri, e il Martedì grasso, Ultimo giorno di Carnevale, siano osservati in maniera speciale e con il culminare in senso assoluto di festeggiamenti tradizionali.
Dato nella Nostra Residenza nel Regno, il giorno 8 di Gennaio dell'anno terzo del Nostro Regno, di Nostro Signore il duemilaquattordici. Questo documento sia pubblicato e fatto osservare in forza di decreto, con effetto immediato. Il Re lo vuole!

M****** R.

mercoledì 18 dicembre 2013

La religione nel Regno

Nota del Re: La religione ufficiale del Regno è quella cristiana, nella confessione Cattolica apostolica romana. Il Regno è territorialmente parte della Parrocchia arcipresbiterale di Santa Maria Assunta in M******* *** ******, ed è soggetto al titolare di tale parrocchia. Il Regno è sotto la protezione dei Santi Michele e Giorgio. Il giorno patronale della chiesa da cui è servita la famiglia reale è il 20 agosto, San Bernardo.
Da oggi tutti i nostri lettori avranno la possibilità di pregare la Litugia delle Ore e altre pratiche di pietà direttamente sul blog, grazie all'introduzione, nella barra laterale, del widget di iBreviary, il famoso breviario on-line, disponibile anche su iOS e Android.
Tutti sono caldamente invitati ad approfittare di questa facilitazione, ed a riscoprire la preghiera come culmine della vita cristiana.
Ad maiora!

Dalla Residenza Reale, il 18 dicembre 2013, nella Novena per il Santo Natale del terzo anno di regno di Sua Maestà il Re gloriosamente regnante.

martedì 20 agosto 2013

Creazione vicecomitale

Comunicato ufficiale della Casa Reale
Palazzo Reale, 20 agosto 2013
Sua Maestà il Re oggi, nella festività di San Bernardo abate, patrono della chiesa cui territorialmente fa riferimento il Regno del Monte, ha emesso delle Lettere Patenti sotto la sua firma con cui Gli è piaciuto di elevare al rango di Viscontessa la Baronessa dei Nontiscordardimé, in considerazione della di lei anzianità di servizio nell'ordine dei baroni e del conseguente desiderio da lei più volte manifestato di ricevere un titolo più elevato.
Il Sovrano desidera porgere alla Viscontessa dei Nontiscordardimé le sue più sentite congratulazioni e le dà con il presente comunicato la facoltà e l'ordine di modificare opportunamente il nome della sua utenza su questo sito Web.
Alla Viscontessa dei Nontiscordardimé vita e vittoria!

lunedì 19 agosto 2013

Non obstante

Noi, [omissis] per grazia di Dio Re del Monte etc. etc. etc., nella nostra qualità di Fonte suprema del Diritto del Regno possiamo dispensare dall'esecuzione delle Leggi attualmente in vigore nel Regno del Monte, e oggi, 21 agosto 2013, nell'anno terzo del Nostro Regno ci è piaciuto avvalerci di questa Nostra potestà:
NON OSTANTE l'Editto da noi promulgato il 22 giugno ultimo scorso hanno in questo Reame valore e forza di leggi anche le Lettere Patenti emesse dal Sovrano in forma di decreti sotto la propria firma a mano, e quindi non dotate di Sigillo. Questo pronunciamento ha valore retroattivo e forza pari a quella di un Editto.
Il Re lo vuole!
TESTIMONE Noi stesso a Palazzo Reale nel giorno suddetto.

mercoledì 24 luglio 2013

Royal Baby

Palazzo Reale, 24 luglio 2013

I migliori e più sentiti auguri di Sua Maestà il Re vanno alla Regina Elisabetta II del Regno Unito e alle loro altezze reali i Duchi di Cambridge per il fausto evento della nascita del primogenito della coppia, SAR il Principe Giorgio Alessandro Luigi di Cambridge. Possa egli vivere una vita lunga, gloriosa e felice e un giorno regnare con grandezza sul popolo britannico!!!

Viva il Principe George! Dio Salvi la Regina!

sabato 22 giugno 2013

Editto 22/6/13

[omissis]
PER GRAZIA DI DIO
Re del Monte, M.se del Pozzo e Gr. Mº delle Margherite
-
Di Nostra Regia scienza, per una certa codificazione e regolamentazione di norme finora semplicemente accettate come valide a causa dell'uso, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue in forza di REGIO EDITTO.
 
Art.1-Hanno forza legale: i documenti scritti, firmati e sigillati dal Sovrano;
i documenti pubblicati sul Regio sito Web in forza di editti ma non aventi un corrispettivo cartaceo; gli ordini di Consiglio.
Questa norma si applica anche retroattivamente.
 
Art.2-Gli anni di regno del Sovrano regnante si contano progressivamente prendendo per ciascuno come inizio l'anniversario dell'ascesa al Trono del Sovrano regnante, e come fine il giorno precedente al giorno d'inizio dell'anno di regno successivo, oppure, in caso di morte o abdicazione del Sovrano stesso, la data di tale avvenimento.
 
Art.3-Gli abitanti sul territorio del Regno sono confermati sudditi.
A Nostra madre è confermato il titolo di Regina madre e il trattamento di Maestà. A Nostro Padre è confermato il titolo di Principe del Palazzo e il trattamento di Altezza Reale.
All'attuale abitante più anziano è confermato il titolo di Senatore del Regno, con trattamento di Sua Grazia, entrambi valevoli jure uxoris anche per sua moglie.
Al loro figlio maschio è confermato il titolo di Tesoriere del Regno, con trattamento di Eccellenza, entrambi valevoli jure uxoris anche per sua moglie.
Al figlio di questi ultimi è confermato il titolo di Duca del Caminetto.
 
Dato nella Nostra Reale Residenza nel Regno, il ventiduesimo giorno di Giugno dell'anno di Nostro Signore duemilatredici, del Regno Nostro il terzo.
Ordiniamo che il presente sia da oggi osservato e fatto osservare in forza di Decreto del Re, e sia pubblicato per tutti i sudditi sul Regio Sito Web.
Il Re lo vuole!
[firma Reale]

giovedì 13 giugno 2013

67° della partenza di Umberto II

Residenza Reale, 13 giugno 2013
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

Cari e beneamati sudditi,
sessantasette anni orsono S.M. l'allora Re d'Italia, Umberto II, di compianta memoria, partiva dalla sua Patria per un esilio da cui non sarebbe più tornato, e in cui, caso per fortuna unico al mondo, questa repubblica senza radici tiene confinato il suo corpo anche dopo la morte. E' per noi doveroso ricordare in questo giorno la sua luminosa figura, che non si piegò mai di fronte alla grande frode del Referendum "pilotato" (la citazione non è mia, ma di Togliatti) e, dimostrando ancora una volta la sua grandezza e dignità, decise di partire dall'Italia, invece che far valere con la forza i suoi legittimi diritti, per risparmiare alla Patria che tanto amava un nuovo spargimento di sangue.
Il suo esempio e l'ingiustizia da lui dignitosamente sopportata tutta la vita non siano dimenticati, ma aiutino la costruzione di un'Italia migliore e finalmente conscia e orgogliosa delle proprie radici storiche. Viva Umberto II! Viva la Monarchia! Viva l'Italia!!!

Creazione baronale

Residenza Reale, 11 maggio 2013
Oggi, 11 maggio, Sua Maestà il Re, nel territorio della Repubblica italiana, ha ricevuto dalla signorina T******, cittadina italiana, la richiesta di ricevere il privilegio della Sudditanza alla Corona del Regno. Sentite le assicurazioni e il parere favorevole dei Suoi consiglieri ivi presenti, Sua Maestà, dopo aver ricevuto la tradizionale triplice promessa solenne di fedeltà e collaborazione da parte della detta signorina, l'ha cerimonialmente e pubblicamente investita quale sua suddita, conferendole anche il titolo ereditario di BARONESSA DELLE ROSE. Queste concessioni sono state ufficializzate e confermate da un conseguente editto promulgato da Sua Maestà e ricevuto dalla Baronessa come salvacondotto. Il Re ordina ora alla Baronessa delle Rose di iscriversi appena possibile a questo blog, e le porge le Sue congratulazioni e i migliori auguri di vita e vittoria, invitando tutti i Sudditi ad unirsi al suo giubilo!!!

Vedi anche: Elenco AGGIORNATO dei sudditi

lunedì 6 maggio 2013

MadMonarchist

Informiamo tutti i sudditi che da oggi il Re ha aderito come membro al blog madmonarchist.blogspot.com, contenente splendidi contenuti in lingua inglese, pubblicati da un pan-monarchico statunitense. Invitiamo tutti i lettori di questo blog a visitare il bellissimo blog di MadMonarchist, che presenta interessantissime informazioni -anche storiche- sulle monarchie di tutto il mondo.
Il Re.

martedì 30 aprile 2013

Lang leve de koning

Il giorno 9 febbraio u.s. il Consiglio d'Incoronazione, riunitosi in seduta parziale (n°1) alle ore 12, aveva deliberato, con l'assenso della Corona in Consiglio, il rilascio di un messaggio ufficiale a nome del Sovrano e di tutti i Sudditi in occasione dell'abdicazione di S.M. la Regina Beatrice dei Paesi Bassi e della contestuale ascesa al trono di S.M. Re Guglielmo Alessandro.
Oggi, 30 aprile 2013, i suddetti due atti si sono compiuti in Amsterdam. Per questo, i Sudditi del Regno e Sua Maestà il Re del Monte, costituiti in Consiglio, sono ora lieti di indirizzare il seguente proclama:
"Avendo appreso dell'avvenuta successione al Trono dei Paesi Bassi, desideriamo oggi unirci in rispetto e gratitudine per il prezioso servizio svolto durante il suo regno dall'ex Regina, ora Principessa Beatrice, ed augurarle ancora lunghi anni di vita.
Ci inchiniamo inoltre di fronte al nuovo monarca, S.M. Re Guglielmo Alessandro, e alla sua consorte, la Regina Maxima, e gli auguriamo un Regno lungo, glorioso e prospero in armonia con la Nazione nederlandese. Porgendo ancora le nostre più vive congratulazioni a Sua Maestà nel fausto giorno della sua Intronizzazione, gridiamo lieti: Viva i Paesi Bassi! Lunga Vita al Re! Lang leve de Koning!!!"
  
Guglielmo Alessandro e Beatrice

martedì 2 aprile 2013

Il Re è su Google+

Palazzo Reale, 2 aprile 2013
Sua Maestà il Re ha oggi completato l'upgrade del suo account Gmail a Google Plus (plus.google.com), con il nome di Re del Monte. I sudditi sono invitati a visitare il suo profilo e ad effettuare anche loro tale upgrade per diventarne followers.

Il Re è su Twitter

Palazzo Reale, 2 aprile 2013
Sua Maestà il Re ha oggi aperto un'utenza ufficiale intestata alla Corona sul social network twitter.com con il nome di @redelmonte. E' stato quindi pubblicato il primo tweet, leggibile da tutti gli internauti. I sudditi sono caldamente invitati a visitare la pagina del Re su twitter e, se già dotati di un'utenza twitter, a diventarne followers.

domenica 17 febbraio 2013

2^ Festa della Corona

Sua Maestà il Re è lieto di augurare a tutti i sudditi della Corona un buon anniversario della fondazione del Regno, avvenuta 2 anni orsono. Augurandoci che il Nostro progetto possa vivere ancora per molti e gloriosi anni, ci stringiamo attorno alla Corona e, in attesa dell'ormai prossima cerimonia di Insediamento del Re e dei Sudditi, innalziamo festevoli e gioiosi gli stendardi reali!!! Viva il Regno del Monte! Viva il Re!
Palazzo Reale, 17 febbraio 2013 (nel giorno della Festa della Corona per il II anno del regno di Sua Maestà gloriosamente regnante).

domenica 10 febbraio 2013

Giorno del Ricordo

Palazzo Reale, 10 febbraio 2013
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:
Cari e beneamati sudditi,
oggi ricordiamo tutti i nostri fratelli italiani che morirono vittime dell'ideologia malata del Comunismo e dell'odio  contro la nostra nazione. Sono profondamente convinto che questa vera e propria strage di innocenti non vada dimenticata, così come non vada abbandonata la battaglia per riunire sotto un unico Stato tutte le genti d'Italia, anche quelle che oggi si trovano in territori che sono stranieri solo perché resi tali dall'irresponsabilità e dal tradimento degli interessi della Patria da parte di buona parte della classe politica della seconda metà del secolo scorso. Così come è giusto non dimenticare il dramma della Shoah, Noi crediamo che nemmeno questo dramma debba cadere nell'oblio, e per questo crediamo giusto celebrare anche quest'anno la Giornata del Ricordo. Elevando una preghiera per coloro che perirono per la sola colpa di essere italiani, speriamo che la coscienza nazionale oggi si stringa attorno alla loro memoria e colga l'occasione per meditare con serietà.
Ancora una volta, viva l'Italia!!!

mercoledì 6 febbraio 2013

Proclama 6/2/13

Sua Maestà il Re desidera porgere a Sua Maestà la Regina del Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord i suoi migliori auguri per il sessantunesimo anniversario della sua ascesa al Trono dei Reami del Commonwealth.
Sua Maestà desidera inoltre esprimere apertamente il proprio dissenso per l'approvazione da parte del Parlamento britannico di un disegno di legge che istituisce i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Questa decisione, chiaramente parte di un deliberato piano di scardinamento delle istituzioni sociali e di distruzione della famiglia, cellula della società, è a parere di Sua Maestà di una gravità inaudita nonché meritevole da parte della Corona del Regno del Monte di questo atto di protesta ufficiale.
Rinnovando i suoi auguri a Sua Maestà Britannica, il Re ribadisce il suo sdegno per l'odierna deliberazione delle Camere di Westminster e auspica che tutti i sudditi si uniscano a lui nel riaffermare: "Viva la Famiglia! Dio Salvi la Regina!!!"
Residenza Reale, 6 febbraio 2013

martedì 29 gennaio 2013

Convocazione CDI1

PROCLAMA REALE
Investito dei miei poteri Regali, ai sensi dell'Editto da me promulgato nella giornata odierna, convoco ufficialmente una seduta parziale (la n° 1) del Consiglio d'Incoronazione per il giorno 9 febbraio p.v., alle ore 12, nella stanza [omissis] dell'edificio [omissis] all'indirizzo [omissis], in [omissis], provincia di [omissis], fuori dai territori appartenenti alla Corona del Regno del Monte, e quindi sotto la piena, unica ed indiscussa giurisdizione territoriale dello Stato italiano.
Convoco a questa seduta i seguenti sudditi:
-il Gran Ciambellano
-il Contestabile del Regno.
Conferisco inoltre la facoltà di uditore ai seguenti sudditi:
-l'Alto Cancelliere.
Proclamo i seguenti ordini del giorno:
-Attivazione dell'Ordine delle Margherite ed eventuali rapporti con onorificenze per servigi alla Corona nell'ambito dell'incoronazione
-Proposte per Nome e Monogramma Reali
-Proposte per Data dell'Incoronazione
-Primi abbozzi di cerimoniale
-Questione della riforma degli stemmi
-Varie ed eventuali.
Riservo alla Corona in Consiglio la facoltà di redigere il verbale della seduta, e ordino che anche l'Alto Cancelliere o, in sua assenza, il Gran Ciambellano controfirmi detto verbale per presa visione.
Salute a chi legge!
Emesso da Palazzo Reale dalle mani del Sovrano il giorno 29 gennaio 2013, nell'anno II del regno di Sua Maestà [omissis], gloriosamente regnante.

Editto 29/1/13

[omissis]
PER GRAZIA DI DIO
Re del Monte, M.se del Pozzo e Gr. Mº delle Margherite
-
Di Nostra Regia scienza, per la migliore organizzazione degli Affari della Corona in vista della nostra ormai prossima Incoronazione, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue in forza di REGIO EDITTO.

Art.1-Il Consiglio araldico è costituito, da ora fino alla mezzanotte tra il giorno dell'Incoronazione e quello successivo, in Consiglio d'Incoronazione.
Il Consiglio d'Incoronazione ha il compito di assistere la Corona nell'organizzazione della cerimonia dell'incoronazione e nelle decisioni riguardanti le questioni ad essa collegate.

Art.2-Il Re potrà di volta in volta convocare sedute plenarie o anche parziali del Consiglio, secondo le necessità del momento.
La persona del Sovrano agente all'interno del Consiglio d'Incoronazione sarà detta "Corona in Consiglio".

Art.3-Le decisioni prese dal Consiglio d'Incoronazione sono dette "Ordini di Consiglio" e hanno valore immediatamente esecutivo, alla stregua di ordini verbali della Corona.
Un Ordine di Consiglio può essere proclamato dalla Corona in Consiglio, oppure proposto da uno dei membri del Consiglio d'Incoronazione convocati per la seduta in atto. Ogni Ordine di Consiglio per diventare esecutivo dev'essere approvato dalla Corona in Consiglio, che se lo ritiene opportuno può chiedere il parere dei membri presenti o una votazione preliminare a maggioranza, da cui dovrà astenersi.

Art.4-In una seduta parziale il Sovrano può anche convocare un suddito con sole funzioni di uditore (cioè senza diritto di proposta o voto). Nelle sedute plenarie i sudditi in periodo di prova sono ammessi come uditori.
In una seduta plenaria la Corona in Consiglio terrà un discorso ufficiale d'inaugurazione del Regno, comunicherà la scelta del Nome e del Monogramma Reali e la data fissata per l'Incoronazione, e ciò sarà seguito da un Leale Brindisi al Sovrano. Nell'ultima seduta saranno inaugurate le Regalìe.

Art.5-Dovrà essere tenuto da un membro convocato un verbale per ogni seduta del Consiglio d'Incoronazione, il quale verbale dovrà essere controfirmato per presa visione dal Sovrano. Il verbale dovrà essere completo di Ordini in Consiglio numerati progressivamente secondo la formula [numero di seduta/numero di ordine in consiglio all'interno della seduta].

Art.6-Le convocazioni del Consiglio d'Incoronazione dovranno avvenire con Proclama Reale pubblicato sul Regio Sito Web, seguito da avvisi privati a ciascuno dei membri convocati.
Perché una seduta possa svolgersi legalmente, devono essere presenti tutti i convocati, ma non necessariamente gli uditori.

Dato nella Nostra Reale Residenza nel Regno, il giorno ventesimo nono del mese di Gennaio dell'anno di Nostro Signore duemilatredici, del Regno Nostro il secondo.
Ordiniamo che il presente, munito del Nostro Reale Sigillo, sia inserito nell'Archivio degli Atti ufficiali del Regno e sia da oggi osservato e fatto osservare in forza di Decreto del Re, e sia pubblicato per tutti i sudditi su carta e sul Regio Sito Web.
Il Re lo vuole!
[seguono il sigillo e la firma Reali]

lunedì 28 gennaio 2013

Giornate della Memoria

Noi non vogliamo dimenticare nessun genocidio, né quello del popolo israelita, né quello degli altri milioni di innocenti perseguitati dalla barbarie nazista, né quello del popolo cristiano d'Armenia.
Noi non chiniamo il capo di fronte alle vecchie e nuove ideologie della violenza e della segregazione. Noi lottiamo e lotteremo sempre per un'umanità finalmente degna di questo nome, in cui ogni individuo possa vedere nel volto del prossimo non più un nemico o un diverso, ma semplicemente un fratello.
Per questo in questi due giorni, 27 e 28 gennaio 2013, ci inchiniamo al ricordo di quanti perirono innocenti e perseguitati e, senza sterili e benpensanti retoriche, ma con la consapevolezza che il demone dell'Odio deve ancora essere sconfitto nei cuori di molti di noi, esprimiamo a tutti il nostro cordoglio.
Il Re.

lunedì 31 dicembre 2012

Buon anno

Residenza Reale, 31 dicembre 2012
Sua Maestà il Re ha emesso oggi il seguente proclama:

"Cari e beneamati sudditi,
nel rinnovare a tutti Voi i miei migliori auguri per il corrente periodo natalizio, auguri che Vi avevo già indirizzati privatamente, oggi desidero con tutto il cuore porgervi anche quelli per un buon anno nuovo. Nel giorno in cui l'anno vecchio tramonta e ci prepariamo al sorgere di quello nuovo, il duemilatredicesimo dall'inizio dell'Era cristiana, Vi auguro dunque che questo 2013 sia per Voi ricco di serenità e gioia e veda per il Regno pace, prosperità e gloria.
L'anno appena trascorso è stato ricco di molti eventi importanti per tutti noi, quale il compimento, da parte del Nostro progetto, del suo primo anno di vita e il raggiungimento da parte del Nostro sito di 1000 visualizzazioni, nonché l'annuncio ufficiale della Nostra intenzione di officiare una cerimonia d'insediamento per la Corona. Nel ringraziarvi per la Vostra sempre preziosissima fedeltà e collaborazione, rinnovo quindi gli auspici di buona fine e miglior inizio.
Buon anno a tutti! Viva il Regno del Monte! Ad majora!

P.S. Desidero congratularmi, e che tutti Voi Vi uniate a me in questo atto di gioia, con il Capo della Real Casa d'Italia, S.A.R. il Duca di Savoia e in particolare con suo figlio il Duca d'Aosta Aimone e la moglie, la Principessa Olga, per la nascita della terzogenita dei Duchi d'Aosta, nonché nuovo membro della Dinastia sabauda, S.A.R. la Principessa Isabella di Savoia, data alla luce il 14 c.m."

venerdì 16 novembre 2012

GRAZIE A TUTTI!!!

Cari sudditi, cari lettori,
oggi, venerdì 16 novembre 2012, alle ore 14.51 di Roma, il nostro blog ha finalmente raggiunto 1000 visualizzazioni, e questo grazie al Nostro lavoro e alla Vostra fedeltà!!!
Sento perciò il dovere morale di ringraziare tutti di cuore, perché solo grazie alla vostra collaborazione la nostra fantastica avventura è stata possibile e continua ancora oggi con risultati che - debbo dire - molte volte non mancano di sorprendere nemmeno me, che ne sono l'ideatore...
Grazie davvero! Il Nostro viaggio non si ferma qui, ma continua ancora, con sempre maggiori ambizioni. Tra qualche tempo inaugureremo finalmente il Regno con l'ufficialità che solo una cerimonia solenne come l'Incoronazione del Sovrano può garantire... proprio così, c'erano già dei sentori nei tweet del nostro consiglio araldico, ma oggi, in occasione di questo traguardo importantissimo, sono felice di annunciarlo a tutti: sarà officiata, in data ancora da destinarsi, una solenne Incoronazione, con cui il mio Regno sarà insediato ufficiosamente!!!
Nel ringraziarvi ancora e nel promettervi che non finisce qui, ho deciso di pubblicare le statistiche ufficiali del blog dalla sua creazione ad oggi. Buona lettura.
Viva il Regno del Monte! Viva la finzione araldica! Ad majora!!!!
Il Re.

P.S. Proclamo la giornata odierna Festa di Stato. Il blog è in festa, unitevi anche voi alla gioia del Vostro Re!!!

STATISTICHE (clic su ogni immagine per visualizzare)








Nuova baronessa

Palazzo Reale, 13 novembre 2012
A nome di SM il Re annuncio a tutti i Sudditi ed internauti che ieri Sua Maestà ha creato una nuova suddita e le ha conferito il Baronato del Gelsomino. Oggi la neo-baronessa ha controfirmato il salvacondotto ed è entrata ufficialmente a far parte della Finzione araldica. Augurando ogni bene alla Baronessa, le porgo a nome della Corona e di tutti i Sudditi i migliori auguri di vita e vittoria!!
Benvenuta tra noi, cara Baronessa del Gelsomino!!!

giovedì 15 novembre 2012

Vicini i 1000 views

Il nostro blog si sta avvicinando alle sue prime mille visualizzazioni!!!
Nel ringraziare tutti coloro che stanno rendendo possibile un tale traguardo, annuncio a tutti i sudditi che in occasione della visualizzazione n°1000 il blog sarà in festa!!! Grazie mille a tutti...
Ad maiora!
Il Re.

venerdì 28 settembre 2012

Editto 27/9/12

[omissis]
PER GRAZIA DI DIO
Re del Monte, M.se del Pozzo e Gr. Mº delle Margherite
-
Di Nostra Regia volontà, per la migliore efficienza del Nostro Governo e per chiarificazione dello status quo relativo al Conte del Ciliegio, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue in forza di REGIO EDITTO.

Art.1-Poiché le cariche di Ciambellano, Cancelliere e Contestabile erano state conferite agli attuali titolari per un tempo di sei mesi all'interno del primo anno del Nostro Regno, e poiché tale termine è da tempo scaduto, col presente indichiamo ridistribuire tali cariche. Fino al momento della promulgazione del presente, i titolari dei suddetti mandati semestrali mantengono intatte le loro cariche.

Art.2-Sua Grazia l'Arciduca del Masso è confermato Gran Ciambellano della Corona fino quando piacerà alla Maestà Nostra o dei Nostri Reali Successori.
La stessa cosa vale per la Duchessa dell'Oleandro nella carica di Alto Cancelliere del Regno.

Art.3-La carica di Contestabile, consistente nelle funzioni di cerimoniere e araldo supremo presso il Re, è da questo momento conferita alla Contessa dei Sacri Cancelli.
Il Conte del Ciliegio è conservato nelle altre sue prerogative.

Art.4-La Contestabilità è conferita alla Contessa suddetta fino a quando piacerà alla Maestà Nostra o dei Nostri Reali Successori.

Art.5-Per questo rimpasto di governo non è richiesto ai nuovi Ufficiali di Corte alcun giuramento né è prevista alcuna formale cerimonia di insediamento.

Dato nella Nostra Reale Residenza nel Regno, il giorno ventesimo settimo del mese di Settembre dell'anno di Nostro Signore duemiladodici, del Regno Nostro il secondo.
Ordiniamo che il presente, munito del Nostro Reale Sigillo, sia inserito nell'Archivio degli Atti ufficiali del Regno e sia da oggi osservato e fatto osservare in forza di Decreto del Re, e sia pubblicato per tutti i sudditi su carta e sul Regio Sito Web.
Il Re lo vuole!
[seguono il sigillo e la firma Reali]

P.S. I migliori auguri del Re ai nuovi Ufficiali di Corte!!! M.R. 28.9

venerdì 14 settembre 2012

Giù le mani dalla Famiglia Reale!

Residenza Reale, 14 settembre 2012
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

Cari e beneamati sudditi,
in questi giorni siamo testimoni dell'ennesimo deplorevole tentativo di gettare fango sulla Famiglia Reale Britannica e in particolare di speculare sulla pelle di S.A.R. la Duchessa di Cambridge, Catherine. La stessa stampa scandalistica che ha ancora le mani lorde del sangue della defunta Principessa del Galles, Diana, e che non perde occasione per giocare con i sentimenti e la vita privata dei membri della Reale Famiglia, dopo aver continuato (come ovvio, senza alcun risultato a parte quello di arrecare altro dolore ai Reali) a speculare sull'eventualità di una fantomatica gravidanza della Duchessa, ha oggi divulgato ai quattro venti fotografie che nulla hanno di scandaloso se non l'uso criminale che certa stampa non degna di questo nome ne fa.
Ancora una volta desidero manifestare la nostra solidarietà alla Duchessa e a tutti i suoi familiari e voglio auspicare che i tabloid capiscano finalmente di aver superato ogni limite e sappiano fare ammenda del male compiuto.
Viva la Famiglia Reale Britannica! Viva la Duchessa di Cambridge! Abbasso la stampa scandalistica!

lunedì 30 luglio 2012

Il ritorno del Re

Residenza Reale, 30 luglio 2012
Sua Maestà il Re, nella serata di ieri, 29 luglio, è tornato nel territorio del Regno al termine di un viaggio personale - durato una settimana - durante il quale ha (tra l'altro) visitato la città di Vienna, di cui ha potuto ammirare lo splendido patrimonio storico lasciato dalla Dinastia imperiale d'Asburgo.
A nome di Sua Maestà siamo lieti di comunicare che, a partire dalla mezzanotte tra ieri ed oggi, il Re ha ripreso ufficialmente i pieni poteri della Corona, riconsegnatigli dalla Reggenza di Sua Grazia il Senatore del Regno, la quale Reggenza ha dunque avuto definitivamente termine.
Viva il Re!

P.S. (da parte del Re) "Si prega la Baronessa del Nontiscordardimé di visualizzare l'ultimo messaggio lasciato da me nello spazio del Consiglio Araldico. Tutti i sudditi - senza distinzioni - sono pregati di informarmi riguardo ai progressi nei preparativi per la cerimonia di inaugurazione del Regno tramite e-mail o tramite messaggi nello spazio del Consiglio Araldico. Grazie".

sabato 21 luglio 2012

Editto 21/7/12

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte, Marchese del Pozzo e Sovrano dell'Ordine della Margherita
-
SICCOME la Maestà Nostra dovrà recarsi e rimanere a partire da questa sera stessa e fino alla fine della settimana prossima fuori dal territorio del Regno e
POICHÉ non è bene che la Corona Nostra rimanga per troppo tempo senza un regnante effettivo,
abbiamo decretato e decretiamo quanto segue.

Art.1-Sua Grazia il Senatore del Regno, per il periodo tra la Nostra partenza dal territorio del Regno ed il Nostro ritorno, ha il titolo e l'incarico di nostro Luogotenente nel Regno.
Egli deve custodire e, nei casi di massima emergenza, esercitare i nostri poteri e badare alla salvaguardia del Regno Nostro.

Art.2-La Luogotenenza entrerà in vigore dalla mezzanotte tra oggi e domani e cesserà alla mezzanotte tra il 29 ed il 30 prossimi venturi.

Nella Nostra Reale Residenza sul territorio del Regno, il ventunesimo giorno del mese di Luglio dell'anno del Signore Duemiladodici, del Regno Nostro il secondo.
Ordiniamo che il presente, munito del Nostro Reale Sigillo, sia rispettato e fatto rispettare in forza di Regio Editto e sia pubblicato e reso leggibile per tutti i sudditi e non, in forma cartacea e tramite il Nostro Reale sito Internet.
Il Re lo vuole!
[seguono il sigillo e la firma Reali]

domenica 10 giugno 2012

Buone vacanze!

Residenza Reale, 10 giugno 2012
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

"Miei cari e beneamati sudditi,
domani, 11 giugno, hanno ufficialmente inizio le vacanze estive!!!
Nell'augurarVi di trascorrerle al meglio assieme alle Vostre famiglie, vi ricordo che esse sono anche un'ottima occasione per intensificare l'impegno nello svolgimento delle attività del Regno: che tale occasione non vada perduta!
Rinnovando gli auguri e le felicitazioni, Vi saluto e aspetto numerosi commenti sul nostro sito. Ci sentiamo presto!"

Creazione baronale

Sua Maestà il Re nella giornata di ieri, sabato 9 giugno 2012, su proposta del suo Consiglio e ricevuto da parte del sig. D******* una solenne promessa di fedeltà, gli ha concesso di diventare suddito della Corona e, con un Regio salvacondotto, lo ha creato Barone dell'Ulivo, titolo vacante dal 7 u.s.
Per volontà del Re il neo-suddito è esonerato dall'iscrizione al sito del Regno, visto che egli vi è oggettivamente impossibilitato.
A nome suo e di tutti i sudditi, Sua Maestà desidera augurare al Barone vita e vittoria!!!
Palazzo Reale, 10 giugno 2012

giovedì 7 giugno 2012

Sui titoli nobiliari nel Regno

Palazzo Reale, 7 giugno 2012.
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

"Miei cari e beneamati Sudditi,
con il presente trovano applicazione i nostri precedenti editti ed emendamenti riguardanti l'esclusione dei sudditi non iscritti al sito, esclusi naturalmente la baronessa della Malva ed il conte del Ciliegio, dalla sudditanza del Regno. I non sudditi naturalmente non possono detenere titoli di alcun genere, quindi i titoli di Marchese della Pietra Reale, Barone del Pino e Barone dell'Ulivo sono estinti e potranno essere ricreati dal Re per altri nuovi sudditi. Le qualifiche di capitano delle guardie e araldo reale sono avocate alla benevolenza della Corona.
Salute a Voi!"
 

sabato 2 giugno 2012

Morte di una repubblica mai nata

E' mancata all'affetto dei suoi cari($)
REPUBBLICA ITALIANA
di anni 66.
Dopo una lunga e travagliata agonia, una terribile elezione l'ha delegittimata. Ne danno il triste annuncio il bisnonno GIULIO, il re GIORGIO, i figli ANGELINO, PIER LUIGI e PIER FERDINANDO, l'amico-nemico UMBERTO, il marito MARIO, amici, parenti, nipoti (anche di Mubarak) e parassiti tutti. Le esequie si svolgeranno il giorno del suo compleanno (????), resterà cioè insepolta, poiché oltretutto molti la credono ancora viva.

L'altro 2 giugno

Oggi ricorrono parecchi anniversari: il 66° anniversario del referendum istituzionale in Italia, il 130° anniversario della morte del Padre della Patria Giuseppe Garibaldi, la vigilia della 164^ Festa dello Statuto Albertino e il giorno culmine dei festeggiamenti per il Giubileo di Diamanti di S.M. la Regina del Regno Unito.
In Italia oggi le istituzioni repubblicane festeggiano la "Festa della Repubblica"; in realtà la repubblica (scritta volutamente con l'iniziale minuscola) non è mai stata proclamata e del referendum a cui si vorrebbe far risalire la sua nascita non si conosceranno mai i risultati reali. Che c'è da festeggiare?
In un giorno di lutto per l'Italia, che ha alle spalle un attentato destabilizzatore e centinaia di terribili scosse di terremoto, il Quirinale ha pensato bene di indire una parata ed un festeggiamento costosissimi, salvo poi voler dare una parvenza di sobrietà facendo smettere di suonare le varie bande militari di fronte alla tribuna presidenziale...
Mentre la "Festa" della repubblica si risolve in un gigantesco flop (la partecipazione popolare alla parata e alle recenti elezioni è arrivata ai minimi storici) e nessuno si degna di spendere una parola in memoria di Garibaldi, l'unificatore d'Italia morto 130 anni or sono, la Monarchia come istituzione e come sentimento "mistico ed irrazionale" (per usare le parole del Re di Maggio) dimostra più che mai la sua attualità, ricordando domani lo Statuto di Carlo Alberto (1848), primo consistente passo verso la libertà politica del Popolo e festeggiando in questi giorni nel Regno Unito 4 giorni di festeggiamenti non-stop per i 60 anni di regno di Elisabetta II. Tutto il popolo britannico sta festeggiando la sua regina con un cuore solo, e questa è la pura dimostrazione di come, dove la Repubblica riesce a far discutere e a dividere i propri cittadini anche in occasione della sua festa, la Monarchia sappia unire e nobilitare i popoli.
Voglio spendere un'ultima parola in ricordo del generale Garibaldi, instancabile propulsore del processo di unificazione d'Italia che, pur essendo d'indiscussa fede repubblicana, ha saputo consacrare il suo operato alla causa della Monarchia, che sapeva essere l'unico organismo in grado di tenere unita una Nazione in cui le divisioni, pur troppo, sono sempre state la norma. Possa egli riposare in pace e rimanere per sempre nei ricordi del suo Popolo e del Mondo, che egli ha contribuito a migliorare. Il Re.

giovedì 10 maggio 2012

Feste Reali ed al.

Nota a nome di S.M. il Re
A margine dell'editto del 4 maggio u.s. è stata creata a decorrere dal 7 maggio u.s. con sede nel Regno e senza alcun valore legale nella Repubblica italiana la società per azioni senza scopo di lucro "Feste Reali ed al.", partecipata dal Tesoro della Corona. La società avrà come primo scopo organizzare in un futuro remoto l'Incoronazione di S.M. il Re. Le riunioni del consiglio di amministrazione si svolgeranno nella sede on-line del Consiglio Araldico.

martedì 8 maggio 2012

Creazione comitale

Sua Maestà il Re nella mattina di oggi, 8 maggio 2012, ha creato ufficialmente sua suddita la Viscontessa dei Sacri Cancelli, tramite firma di Regio salvacondotto, e, in occasione del compleanno di quest'ultima, ha elevato il suo titolo al rango di Contessa.
Sua Maestà desidera, attraverso questo blog, porgere a nome di tutti i Sudditi i migliori auguri alla nuova Contessa.
Residenza Reale, 8 maggio 2012.

Editto 4/5/12

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte, Marchese del Pozzo e Sovrano dell'Ordine della Margherita
-
 Per l'istituzione del matrimonio simbolico all'interno del Regno e del Tesoro della Corona, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue.

Art.1-Il Sovrano e solo il Sovrano può, con il consenso degli stessi, legare due sudditi in matrimonio. Tale matrimonio è un legame di natura unicamente simbolica, a meno che tra le due persone non esista già un Sacro Vincolo di Matrimonio contratto validamente di fronte a Santa Romana Chiesa.
Un matrimonio non simbolico non potrà essere sciolto fino all'annullamento dello stesso da parte della Rota.

Art.2-E' istituito il Tesoro della Corona, sotto la diretta amministrazione del Sovrano. Tale Tesoro consiste nei beni personali del Sovrano e in quelli appartenenti al Regno.

Art.3-E' possibile, all'interno del Regno, costituire con regolare contratto tra sudditi convalidato dal Re una qualsiasi società. Tale società potrà essere partecipata dal Tesoro della Corona.

Art.4-Varie ed eventuali aggiunte, modifiche, precisazioni etc. potranno essere apportate con un altro Editto Reale.

Art.5-E' riconvocato on-line il Consiglio Araldico del Regno, cui possono partecipare i sudditi registrati al blog Reale.

Nella Nostra Reale Residenza sul territorio del Regno, l'ottavo giorno del mese di Maggio dell'anno del Signore Duemiladodici, del Regno Nostro il secondo.
Ordiniamo che il presente, munito del Nostro Reale Sigillo, sia rispettato e fatto rispettare in forza di Regio Editto e sia pubblicato e reso leggibile per tutti i sudditi e non, in forma cartacea e tramite il Nostro Reale sito Internet.
Il Re lo vuole!
[seguono il sigillo e la firma Reali]

domenica 29 aprile 2012

W&K 1

Residenza Reale, 29 aprile 2012
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

Cari e beneamati sudditi,
sono lieto in questo giorno di Santa Caterina, Patrona d'Italia, di poter esprimere i miei migliori auguri alle Loro Altezze Reali William e Catherine, Duchi di Cambridge, in occasione del Primo Anniversario del loro Matrimonio Reale.
E' sempre bello per me ricordare la gioiosa e partecipatissima cerimonia dell'anno scorso, che fu per il Popolo Britannico un autentico momento di gioia nazionale e per il mondo fu l'occasione di poter ammirare la magnificenza della Monarchia Windsor.
Nell'auspicare cento di questi giorni per la Coppia Reale e augurare a tutti una buona giornata di Santa Caterina, vi saluto tutti caldamente.
Vivano William e Catherine!

sabato 21 aprile 2012

Happy Birthday, Majesty!

Residenza Reale, 21 aprile 2012
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama: 

Cari e beneamati sudditi,
oggi, 21 aprile, Sua Maestà la Regina Elisabetta II del Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord ha compiuto la veneranda età di 86 anni! In occasione della fausta ricorrenza del Genetliaco privato di Sua Maestà Britannica, sono lieto ed orgoglioso come vostro Re di porgere ad Elisabetta II i miei migliori e più sinceri auguri! Vi invito a festeggiare con me questo grande giorno. Possa la Regina regnare ancora a lungo in salute e prosperità. Dio Salvi la Regina!!!

domenica 15 aprile 2012

Auguri, Santità!

Benedetto XVI
Palazzo Reale, 15 aprile 2012
Sua Maestà il Re ha oggi emesso il seguente proclama:

Miei cari e beneamati sudditi,
domani, lunedì 16 aprile, Sua Santità il Sommo Pontefice Bendetto XVI, 256° Papa di Roma, celebrerà il suo ottantacinquesimo Genetliaco.
In occasione di questa fausta ricorrenza, come re e come cristiano cattolico sono onorato di poter porgere a nome mio e dei miei sudditi i più umili e sinceri auguri di buon compleanno a Sua Santità. Che Egli possa guidare la Santa Chiesa di Cristo ancora per molti gloriosi anni con l'autorità e la semplicità che lo contraddistinguono.
Auguri, Santità! Viva il Papa!

domenica 1 aprile 2012

Pesce d'Aprile

Riproponiamo su suggerimento di S.M. il Pesce d'Aprile da Lui pubblicato quest'anno su questo sito. Buon divertimento a tutti! (questo post non ha valore legale)

Lunga vita al re

Sudditi della Corona!
Sua Maestà il Re, nel solco di un atto già firmato il 30 febbraio ultimo scorso, ha stamattina abdicato la Corona in maniera integrale ed irrevocabile, designando secondo la legge a suo successore il suddito più anziano, Sua Grazia il Senatore del Regno. Sua Maestà si è poi ritirato in esilio volontario rinunziando in perpetuum a tutti gli onori di Re abdicatario. Oggi è dunque salito al trono il successore designato, che ha preso il nome di Carlot I e ha  proclamato come suo stemma il seguente, come segno del suo amore per il nostro glorioso lago.

martedì 20 marzo 2012

Editto 20/3/2012

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte, Marchese del Pozzo e Sovrano dell'Ordine della Margherita
-
Per la parziale riforma del Calendario del Regno, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue.

Art.1-Ribadiamo la nostra piena e integrale adesione al Calendario Gregoriano, ma proclamiamo i seguenti giorni Reali Festività:
a)24 gennaio: Compleanno del Re
b)17 febbraio: Festa della Corona
c)20 marzo: Equinozio di Primavera

Art.2-Ribadiamo che a breve vi sarà un'ulteriore riforma del calendario e dell'Ora.

Art.3-Dichiariamo sospesi dalla sudditanza tutti coloro che non si sono ancora iscritti al Nostro sito Internet. Essi potranno esservi riammessi chiedendo l'iscrizione al sito e la Clemenza del Re.

Nella Nostra Reale Residenza sul territorio del Regno, il ventesimo giorno del mese di Marzo dell'anno del Signore Duemiladodici, del Regno Nostro il secondo, nell'Equinozio di Primavera.
Ordiniamo che il presente, munito del Nostro Reale Sigillo, sia rispettato e fatto rispettare in forza di Regio Editto e sia pubblicato e reso leggibile per tutti i sudditi e non, in forma cartacea e tramite il Nostro Reale sito Internet.
Il Re lo vuole!

[seguono il sigillo e la firma Reali]

BUONA PRIMAVERA!

PROCLAMA REALE
Miei cari sudditi, oggi, 20 marzo, alle ore 6 e 14 minuti (ora italiana), il Sole si è portato in posizione di Equinozio!!! Gioite con me: oggi è il Primo Giorno di Primavera!!!
Oggi ricomincia il ciclo delle stagioni ed in particolare prende avvio la stagione primaverile, dunque desidero che in tutto il Regno oggi vi siano grandi festeggiamenti per accogliere la nuova stagione: proclamo per tutta la giornata di oggi la Festa della Primavera!
Nella speranza che tutti, compresa l'importanza fondamentale di questa ricorrenza, la festeggino con la dovuta solennità, rinnovo a tutti voi gli auguri di una
Buona Primavera!!!
Residenza Reale, 20 marzo 2012. Il Re.

sabato 17 marzo 2012

BUON COMPLEANNO ITALIA!

Sua Maestà il Re ha emesso oggi il seguente Proclama:

Regno del Monte, 17 marzo 2012

Cari e beneamati Sudditi,
care Italiane e cari Italiani,
oggi, nel Centocinquantunesimo anniversario della Proclamazione del Regno d'Italia, in occasione della Giornata Nazionale dell'Unità d'Italia proclamata dal Governo Italiano, come Re del Monte invio al Popolo Italiano i miei più sentiti auguri per questa gioiosa ricorrenza, che come figlio d'Italia e cittadino italiano sono contento di celebrare con i miei compatrioti e i membri di questo Progetto di finzione araldica. Credo che sia molto importante per tutti noi serbare il ricordo del sangue versato dai nostri Padri per ottenere a noi la libertà e l'unità nazionale. Mi preme oggi ricordare il grande merito di tutti coloro che ogni giorno svolgono silenziosamente il proprio dovere per il bene comune, e che spesso non hanno il dovuto riconoscimento.
In questa importantissima giornata è per me un piacere ed un dovere morale rendere omaggio anche e soprattutto alla figura di Sua Maestà re Vittorio Emanuele II, Padre della Patria e primo Re dell'Italia Unita, il padre fondatore del nostro esser nazione.
Desidero infine esprimere tutto il mio sdegno per il fatto che lo Stato riconosca come festa nazionale l'anniversario del contestatissimo e molto strumentalizzato referendum Monarchia-Repubblica e non il 17 marzo, festa di tutti gli Italiani, senza distinzione alcuna, proprio perché Festa dell'Unità.
Spero comunque che a questo anniversario venga data tutta l'importanza che merita e che non si finisca (com'è più probabile) per lasciarlo cadere nel dimenticatoio e riesumarlo solo ogni cinquant'anni, più per strumentalizzazioni di vario genere che per autentico senso patriottico. Ancora oggi, ora e sempre
VIVA L'ITALIA! VIVA IL 17 MARZO!


venerdì 16 marzo 2012

ELISABETTA II RISPONDE AGLI AUGURI

A nome di S.M. il Re sono lieto di comunicare che Sua Maestà la Regina Elisabetta II del Regno Unito il giorno 8 marzo ultimo scorso ha inviato al Re in persona un biglietto (con le insegne della Corona britannica) recante un messaggio di ringraziamento per gli auguri da lui ricevuti il 6 febbraio ultimo scorso in occasione del 60° anniversario della sua ascesa al trono che fu di Vittoria d'Hannover.
Sua Maestà è lieto di condividere con i suoi Beneamati Sudditi tale messaggio:

Vi invio i miei sentiti ringraziamenti
per le parole di supporto
che mi avete così gentilmente inviato
in occasione del
Sessantesimo Anniversario
della mia Ascesa al Trono.

Elisabetta Regina
2012

sabato 18 febbraio 2012

UN ANNO DI REGNO

Il giorno 17 febbraio 2012 ricorreva il primo anniversario della fondazione del Regno.
I sudditi ed il Re hanno tenuto festeggiamenti privati per questa gloriosa ricorrenza, nel seno della quale sono stati creati tre nuovi sudditi. La Corona ha istituito una Festa di Stato di tre giorni, che vanno a sommarsi ai due giorni di festeggiamenti per il Carnevale.
Oggi, nel porgere gli auguri alla Regina madre ed al Principe del Palazzo per il loro anniversario di matrimonio, il Governo di Sua Maestà desidera, a nome del Re, rendere pubblico il giubilo di tutti i membri di questo progetto per "primo compleanno" del nostro Regno e per l'anniversario dell'ascesa al Trono del Re.
Su ordine del Sovrano, questo blog ha subito un'opera di restyling in occasione dei Festeggiamenti per il Suo primo Giubileo.
Nell'augurare alla Corona mille di questi giorni di trionfo, auguriamo a nome del Re buona navigazione ai gentili visitatori.
Lunga vita al Re! Viva il Regno del Monte! Buon Giubileo!

In occasione del Giubileo, riproponiamo:
 -Atto fondativo del Regno
 -Nuovo elenco dei sudditi

giovedì 16 febbraio 2012

Elenco dei sudditi

-Sua Maestà la Regina Madre, Dama del 2011
-Sua Altezza Reale il Principe del Palazzo, Cavaliere del 2011
-Sua Grazia Il Senatore del Regno
-Sua Grazia La Senatrice del Regno
-Sua Eccellenza Il Tesoriere del Regno
-Sua Eccellenza La Tesoriera del Regno
-Il Duca del Caminetto, Principe del Sangue
-Sua Grazia l'Arciduca del Masso, Gran Ciambellano del Regno
-La Duchessa dell'Oleandro, Alto Cancelliere del Regno
-Il Conte del Ciliegio
-La Contessa dei Sacri Cancelli, Contestabile di Corte
-La Viscontessa dei Nontiscordardimé
-La Baronessa della Malva, già Damigella C*****
-La Baronessa del Susino, già Madamigella S******
-Il Barone dell'Ulivo
-La Baronessa del Gelsomino, già Madamigella P****
-La Baronessa delle Rose

N.B. Gli asterischi sono "censure" di titoli corrispondenti a cognomi.
L'attuale barone dell'Ulivo è il secondo detentore di tale titolo.

mercoledì 15 febbraio 2012

Editto 15/02/12

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte, Marchese del Pozzo e Sovrano dell'Ordine della Margherita
-
Per il buon festeggiamento dell'Anniversario della fondazione del Regno
                                      ABBIAMO DECRETATO E DECRETIAMO
  quanto segue in forza di Regio Editto.

Art.1-Il giorno 17 di Febbraio è costituito in Giorno festivo dello Stato, con il nome di "Festa della Corona".

Art.2-Per quest'anno Noi ordiniamo che vi siano tre giorni di Festa per tutti i Nostri sudditi il 17, il 18 ed il 19 di Febbraio, per celebrare:
-il 1° Anniversario della fondazione del Regno
-l'anniversario della Nostra ascesa al Trono
-l'anniversario del matrimonio dei Nostri beneamati genitori
-l'arrivo del Vento di Primavera, che prepara un nuovo inizio per il Ciclo della Natura.
Ordiniamo che in questi tre giorni nessun suddito si affatichi più del necessario.

Art.3-Ordiniamo il "restyling" del Nostro sito Web e che il giorno 18 di Febbraio prossimo venturo si tenga un Leale e Solenne Brindisi alla Corona.
Desideriamo inoltre annunziare che Ci è gradito, come segno di particolare benevolenza verso i Nostri sudditi, conceder loro alcuni benefici che ci riserviamo di stabilire nei modi e nei tempi opportuni.
Art.4-Tutti coloro che entro il 29 febbraio non si siano iscritti al Nostro sito Web perderanno la sudditanza ed i diritti ad essa connessi. La baronessa della Malva ed il conte del Ciliegio sono dispensati dall'iscrizione al sito visto che essi non sono in possesso di un elaboratore informatico, ma ciononostante continuano a servire attivamente la Corona.

Nella Nostra Reale Residenza nel Regno, il giorno decimoquinto del mese di Febbraio dell'anno del Signore duemiladodici, del Regno Nostro il primo.
Si ordina che il presente, munito del Sigillo Reale, sia inserito nell'archivio degli Editti e degli altri documenti ufficiali del Regno e, pubblicato e reso disponibile a tutti i sudditi in forma cartacea e/o multimediale, sia da essi rispettato e fatto rispettare come Legge dello Stato in vigore per volontà regia.
Il Re lo vuole!
[seguono la firma ed il sigillo del Re]

La parte in corsivo è un emendamento Reale del 7 giugno 2012, anno II del regno di Michele.

lunedì 6 febbraio 2012

God Save the Queen!

PROCLAMA REALE
Sua Maestà il Re desidera, in occasione del sessantesimo anniversario dell'ascesa al trono britannico e dei Reami del Commonwealth di S.M. la Regina Elisabetta II del Regno Unito, porgere i migliori e più sentiti auguri alla Regina, alla Famiglia Reale e al Popolo Britannico per il Giubileo di Diamanti di Sua Maestà, che ricorre quest'anno, e le cui celebrazioni hanno avuto inizio proprio oggi. Augurando a Sua Maestà la Regina Elisabetta di poter ancora regnare a lungo con il carisma che la contraddistingue, il Re desidera comunicare di aver inviato alla Segreteria di S.M. Britannica una lettera d'auguri e congratulazioni e chiede a tutti i Sudditi di associarsi al suo giubilo per questa importante ricorrenza.
Dio salvi la Regina!!!
Residenza Reale, 6 febbraio 2012.

sabato 4 febbraio 2012

Perché la Monarchia?

Riproponiamo il seguente articolo del grande Alfredo Covelli(foto), che spiega perfettamente le ragioni della superiorità della Monarchia. A chi si è chiesto le ragioni della nostra scelta di costituirci in Regno e non in Repubblica, consiglio di leggere bene questo articolo...
Ringrazio il blog dei Monarchici in Rete, che ha riproposto questo straordinario pezzo.

"Sul piano generale ci soccorrono le testimonianze della storia di gran parte dei popoli civili: è stata sempre la Monarchia ad aver difeso i deboli dai forti, le minoranze dalle maggioranze.

La storia dell’evo nuovo insegna, infatti, che la libertà politica, la giustizia sociale, l’uguaglianza giuridica sono frutti della Monarchia, perché tutta la lotta perla creazione di Stati nazionali è stata una lotta condotta e vinta in ogni tempo dalla Monarchia.
Per quello che attiene al nostro Paese la spiegazione è nel ricordo che si può chiedere agli Italiani di ciò che essi debbono alla Monarchia dei Savoia.
Essi Le debbono,oltre alla realtà geografica, dell’Unità Nazionale, la più completa, la più piena realtà democratica.

È stato un Re a concedere all’Italia, e forse all’Europa Continentale, il senso ed il gusto della libertà.
Gli Italiani hanno avuto le prime libertà democratiche da Carlo Alberto con la promulgazione dello Statuto, che è legato al Suo nome; uno Statuto che ha modellato disé tutta la vita italiana fino alla metà di questo secolo e che ha rappresentato il terreno giuridico e morale sul quale sisono intrecciati eventi e fasi di tutto il Risorgimento."

Per leggere il resto:
http://italia-reale.alleanza-monarchica.com/2012/febbraio/i-valori-dell%E2%80%99istituto-monarchico

Meditate, gente, meditate...
Il Re. 

Solidarietà al Popolo Romeno!

S.M. Michele I, Re di Romania
PROCLAMA REALE
La Corona desidera manifestare la sua piena solidarietà al Popolo Romeno sollevatosi per ottenere il ritorno alla Monarchia sotto l'alta guida di Sua Maestà re Michele I, nella sicurezza che egli, dopo il ritorno sul Trono del suo Paese, abolito non per volere del popolo sovrano ma per un colpo di mano del sanguinario regime comunista, saprà garantire alla Nazione Romena una nuova era di prosperità e pace.
Nell'augurare un futuro migliore ai Romeni ed al loro Re, certo che l'elettorato di Romania garantirà, se democraticamente lasciato esprimere, il ritorno alla forma monarchica, il Re desidera sollevare presso il Governo Romeno la sua protesta contro le repressioni perpetrate contro il Popolo (non contro pericolosi terroristi!).
Che Dio benedica la Romania!!!
Residenza Reale, 4 febbraio 2012.

domenica 1 gennaio 2012

Editto 31/12/11

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte, Marchese del Pozzo e Gran Maestro del 2011
-
Per il buon governo dei Nostri Reali Ordini Dinastici 
                                      ABBIAMO DECRETATO E DECRETIAMO
  quanto segue in forza di Regio Editto.

Art.1-Per effetto della disposizione contenuta negli Statuti dell'Ordine Familiare dei Propositi per l'anno del Signore Duemilaundici, anche per quanto concerne il Regno, dalla mezzanotte tra il 31 dicembre 2011 ed il 1° gennaio 2012 tale ordine s'intenderà senz'altro soppresso.
Gli Statuti cesseranno d'aver vigore, così come il titolo spettante alla Corona di Gran Maestro del 2011. I cavalierati già concessi nell'ambito dell'ordine s'intendono convertiti in riconoscimenti onorifici equivalenti a medaglie.

Art.2-S'intende fin d'ora costituito un ordine equestre, col nome di Reale Ordine della Margherita, in forma di ordine dinastico Reale, il cui gran magistero spetterà alla Corona e darà diritto al Sovrano al titolo reale di Gran Maestro del Reale Ordine della Margherita (o, in forma breve, Sovrano dell'Ordine della Margherita).
Nell'ordine vi sarà un'unica classe d'insigniti, che avranno la dignità ed il titolo di Cavaliere - o Dama - dell'Ordine della Margherita.
La nomina dei membri sarà d'esclusiva discrezione della Corona.
Ci riserviamo di stabilire in sedi più opportune gli Statuti dell'Ordine.

Art.3-Il calendario ufficiale del Regno e degli Ordini Reali è solamente quello Gregoriano affiancato dal conteggio degli anni di regno del Sovrano sul Trono.

Nella Nostra Reale Residenza nel Regno, il giorno trentunesimo del mese di Dicembre dell'anno del Signore duemilaundici, del Regno Nostro il primo.
Si ordina che il presente, munito del Sigillo Reale, sia inserito nell'archivio degli Editti e degli altri documenti ufficiali del Regno e, pubblicato e reso disponibile a tutti i sudditi in forma cartacea e/o multimediale, sia da essi rispettato e fatto rispettare come Legge dello Stato in vigore per volontà regia.
Il Re lo vuole!

[seguono la firma ed il sigillo del Re]

venerdì 26 agosto 2011

Atto fondativo del Regno

Io sottoscritto [omissis], sano di mente e di corpo, in [omissis], nella Provincia di [omissis], assicuratomi che nessuno possa contestarmi legittimamente, assumo per me stesso e per i miei successori il titolo ed i poteri sovrani di Re del Monte e ordino, comando e dichiaro che tutto il territorio della mia residenza sia incluso nel territorio del mio Regno.
Assumo in qualità di Sovrano il nome di [omissis], il trattamento di Maestà ed il titolo sussidiario di Sire, nonché lo stemma che stabilirò in prossimi decreti.
Infine, adotto quali miei sudditi i residenti nel Regno e gli altri cittadini italiani che prometteranno fedeltà alla Corona di fronte alla mia persona e comando che la Corona sia trasmessa per via di primogenitura maschile tra i miei discendenti. Se essi si estingueranno, salirà al Trono l'unica mia discendente femmina che non vi avrà rinunziato; [omissis].
Il Re lo vuole.
Nella Nostra Residenza, il giorno decimosettimo di Febbraio del'anno di Grazia MMXI, l'anno primo del Nostro Regno.
[seguono la firma del Re e la controfirma di un testimone]

Nota del pubblicante: da questo atto scaturisce il nostro progetto. Le parti in corsivo sono degli emendamenti. Le parti in corsivo tra parentesi quadre, tranne la penultima, che è un comma abrogato, sono censure per preservare la mia privacy e quella dei sudditi. Questi criteri verranno usati anche nei prossimi editti.

giovedì 25 agosto 2011

Atto di disconoscimento n.1

Io sottoscritto Ser [omissis], I Marchese del Pozzo e Gran Ciambellano del Regno del Monte, sano di mente e di corpo, rinuncio per me stesso e per i miei successori al titolo, all'onore e al blasone di Marchese del Pozzo, in favore della Corona che me le ha concesse.
Dato in [omissis], addì 5 aprile 2011, l'anno I del Regno di [omissis].
[seguono la firma del Marchese, il suo stemma ed il Sigillo Reale]


Nota del pubblicante: il titolo disconosciuto è tornato alla Corona.

Editto 16/3/11

[omissis]
per la grazia di Dio
Re del Monte e Gran Maestro del 2011
-
EDITTO [x] per regolare congiuntamente il sistema monetario e metrico del Regno e per specificare la procedura di passaggio del Trono.
NOI PROMULGHIAMO

Art.1-Siccome il Regno al momento non ha particolari necessità commerciali, è ammesso il flusso di monete italiane e l'utilizzo del relativo sistema metrico sul Nostro territorio.
Gli scambi con l'esterno sono ammessi conformemente alle normative italiane.

Art.2-L'unico Trono ufficiale del Regno è l'albero di fico nel giardino della residenza reale. L'ascesa al Trono avviene il giorno dopo la morte o l'abdicazione del Sovrano precedente, quando l'erede dell'ex-Re si siede sul Trono.
Nessuno può sedersi sul Trono tranne il Re o chi lo diventerà con ascesa imminente.
Un'eventuale Regina consorte potrà sedersi sulla panca dietro al Trono, riservata ad ella sola.
Una Regina regnante può sedere sul Trono, ma in caso di matrimonio dovrà abdicare.

Art.3-Chi contrae matrimonio senza il Regio assenso prima della conclusione del contratto o chi rinneghi la confessione Cristiana cattolica romana è escluso dalla linea di successione al Trono.
Il Sovrano che per qualche ragione esca dalla comunione con la Chiesa cattolica dovrà abdicare.
La Reggenza del Trono è illegale. In caso d'incapacità psicofisica perpetua del Sovrano, il Suo erede ne assume le funzioni fino alla sua morte [x] e governa in suo nome, senza assumere alcuna carica particolare né occupare il Trono.
In caso di minore età del Sovrano, egli ed egli solo comunque governa.

Dato nella Nostra residenza del Monte, addì 16 Marzo dell'Anno domini 2011, del Regno Nostro il primo.
Il Re lo vuole.
[seguono la firma ed il sigillo del Re]

Editto 12/3/11

[omissis]
per la grazia d'Iddio
Re del Monte e Gran Maestro del 2011
-
Come promesso ai Nostri amati sudditi tramite la proclamazione emessa il giorno 17 dell'ultimo scorso Febbraio, Noi desideriamo con il presente editto dare al Regno Nostro stemma, sigillo e stendardo.
Pertanto di Nostra Regia autorità, Noi, [omissis], ordiniamo, dichiariamo e comandiamo con indelebile promulgazione questo EDITTO.

Art.1-Sia lo Stemma del Regno uno scudo con banda superiore raffigurante un colle e sullo sfondo un cielo diurno. La parte inferiore, con sfondo giallo, rechi una lettera Emme maiuscola ed inferiormente, interiormente e in minori dimensioni una Erre maiuscola.
Siano le due lettere in stampato e di colore viola acceso complementare allo sfondo.
Dietro vi sia un drappo rosso sorretto agli angoli superiori da due puntelli e sopra da una corona di forme rotonde. Dietro lo scudo vi siano una spada ed una croce sovrapposte diagonalmente.

Art.2-Lo Stendardo Reale è lo scudo dello stemma con corona ma senza drappo. Lo sfondo dello Stendardo sia del viola della lettera Emme e sia disseminato di margherite al naturale.

Art.3-Negli Editti, sia lo Stemma usato congiuntamente a quello dell'Ordine del 2011.
Il Sigillo Reale, da usare congiuntamente alla firma del Sovrano, sia un cerchio con interno giallo e, in viola, le lettere Emme ed Erre, allo stesso modo che nello Stemma.

Dato nella Nostra residenza del Monte, il dodicesimo giorno del mese di Marzo dell'anno di Grazia duemilaundici, del Regno Nostro il primo.
Il Re lo vuole.
[seguono la firma ed il sigillo Reali; accanto all'intestazione vi sono gli stemmi del Regno e dell'Ordine del 2011]

Necrologio di Otto d'Asburgo

PROCLAMA REALE
Il defunto Otto d'Asburgo
La nostra associazione si stringe commossa all'Imperiale e Reale Casa d'Asburgo-Lorena per la perdita di S.A.I. e R. l'Arciduca Ottone, Imperatore titolare d'Austria dal 1918 al 2007, che ha reso l'ultimo respiro il 4 luglio ultimo scorso, alla veneranda età di 98 anni, nella sua residenza di Poecking, in Baviera, ed in particolare desidera esprimere le proprie condoglianze all'Imperatore titolare Carlo II, figlio del defunto.
Ottone, figlio dell'ultimo Imperatore regnante d'Austria, il Beato Carlo I, fu sempre impegnato nel difendere la sua Patria, l'Austria, prima dal regime nazista e poi dall'annessione al Terzo Reich. Finita la guerra, non terminò il suo forte impegno politico, che fu concentrato fino ai suoi ultimi anni, oltre che sugli impegni dinastici, anche sulla promozione di un'Europa delle Nazioni sempre più unita.
Rendendo omaggio a questo grande Uomo, chiniamo abbrunate le bandiere del Regno e dell'Europa Unita dinnanzi alla sua memoria.
Residenza Reale, 25 agosto 2011.